Paola Corradini, Pedagogista Clinico, Reflector, Educatrice Professionale - Pesaro / Ancona.
Socio ANPEC/Marche, Formatrice in Psicodramma Olistico e in Disegno Onirico.
Paola Corradini, Pedagogista Clinico Pesaro Urbino / Ancona Telefona Pedagogista Clinico Fano, Pesaro Urbino, Ancona


 La stanza dei colori
Atelier pedagogico-clinico per la prevenzione e il benessere rivolto ai bambini dai 4-7 anni
L’Atelier pedagogico-clinico è un luogo strutturato e accogliente per un gruppo di persone, in modo da permettere di realizzare esperienze che favoriscono la scoperta, la conoscenza, la stimolazione di aree e aspetti a cui dare valore ed energia per consolidarsi sempre di più nell’evoluzione dell’individuo.

La proposta di prevenzione è rivolta a bambini tra i 4 e i 7 anni e ha l’obiettivo generale di favorire le abilità cognitive e relazionali finalizzate agli apprendimenti di base, sprigionare le energie positive e motivazionali attraverso attività creative e ludiche.

Le esperienze in atelier sono rivolte e finalizzate a:
  • situazioni in cui possono essere presenti lievi difficoltà come impacci motori, difficoltà nel ritmo, nella spazialità, lateralità mista o incrociata, difficoltà nell'attenzione e motivazione scolastica.
  • chi vuole migliorare l’energia vitale di base attingendo all’universo creativo
  • scoprire e potenziare risorse e talenti.
Il pedagogista clinico conscio che la conquista di un apprendimento non chiama in causa solo l’area cognitiva, ma che questa è strettamente legata e conseguente a un benessere globale dell’individuo da raggiungere a più livelli organizza in atelier esperienze volte a coinvolgere tutte gli aspetti che stimolano questo raggiungimento: fisico, motorio, psico-emotivo e relazionale.

La stanza dei colori
Il percorso si dispiegherà attraverso tecniche creative dove prevarrà l’uso di materiali plastici. I colori rappresentano un universo sensoriale visivo, immaginativo ed interno della persona.

È al contempo veicolo, spazio di lavoro e meta. Nel percorso il colore è sensazione che si trasforma in storie, in motricità, in emozione, la esprime e la trasforma. Seguendo i colori e approfondendone di volta in volta le esperienze legate ad ognuno di essi e a ciò che rappresenta, il bambino viene condotto attraverso uno stimolante viaggio che permette la realizzazione dei seguenti obiettivi:
  • Alimentare il controllo tonico.
  • Favorire la conoscenza, l’abilità e l’espressività delle dita e delle mani.
  • Assumere consapevolezza dei rapporti spaziali
  • Conquistare capacità organizzative temporali
  • Favorire il passaggio dal corpo vissuto al corpo percepito
  • Favorire disponibilità e abilità nella relazione
  • Vivere il dinamismo respiratorio
  • Stimolare l’attenzione
  • Favorire e consolidare la motivazione
  • Sviluppare abilità grafico-segniche
  • Favorire il linguaggio verbale
  • Promuovere molteplici linguaggi espressivi.
Programma
  1. Il Bianco: Mi scopro e mi apro a tutte le possibilità
  2. Il Blu: L’oceano primordiale della nascita della vita
  3. Il Giallo: Apertura alla vita
  4. Il Verde: Il movimento creativo
  5. L’Arancione: Creatività e slancio nella vita
  6. Il Nero: Anche le ombre hanno la loro bellezza
  7. Il Marrone: La terra accoglie le radici per la crescita
  8. L’Azzurro: Il cielo e la dimensione del pensiero
  9. Il Rosso: Forza e potenza …con dolcezza.
  10. L’Argento: La bellezza della vita
  11. L’Oro: Il valore di sé.
  12. L’Arcobaleno : Le infinite sfumature dell’essere.
Modalità
Il lavoro è svolto in piccoli gruppi (7-8 bambini). I gruppi si dividono per età
  • 1° gruppo: 4-5 anni
  • 2° gruppo: 6-7 anni
Il gruppo si incontrerà in atelier settimanalmente in incontri di un’ora e mezza. Un ciclo ha la durata di 12 incontri

I primi incontri hanno una vale per definire i diversi percorsi e gli obiettivi da perseguire, quindi avranno la caratterista basata sull’osservazione. Poiché la condotta di un soggetto è una risposta di tutta la persona, è necessario osservare diversi aspetti dei bambini su adeguate sollecitazioni. Questi momenti di osservazione comprendono anche momenti di reciproco scambio, che nel momento iniziale sarà di conoscenza, nei momenti successivi di sviluppo degli obiettivi.

In seguito all’osservazione verranno definiti gli obiettivi e una proposta di attività per dare una risposta adeguata ai bisogni evidenziati.

Sia in itinere che a conclusione verranno fatte delle verifiche di tipo individuale che globale del gruppo.

Le Tecniche
Le tecniche costituiscono lo strumento del pedagogista che caratterizza e connota l’intervento clinico. Esse sono strumenti per entrare in relazione con l’altro e permettere all’azione educativa di dispiegarsi.

Alcune tecniche serviranno per favorire la distensione, l’esplorazione e la scoperta del corpo; altre pittoriche-espressive permetteranno di scoprire la gestualità e la rappresentazione grafica, per lo sviluppo dell’espressione segnica e l’educazione grafomotoria del gesto.

Verrà usato il gioco olistico dove l’organismo è coinvolto totalmente: corpo, emozioni, mente, intuito, sistema energetico. Il gioco consta di strumenti intermediari come, maschere, burattini e strumenti musicali.

Saranno usate sollecitazioni attraverso immagini e disegni che permettono ai bambini di esprimere sentimenti, fantasie depositate dentro di loro sotto forma di immagini.

Luogo
Presso l’Atelir del Centro di Pedagogia Clinica ORIZZONTI, via Tagliamento 22, Fano (PU)










































ANPEC   ISFAR  SIR   ANPEC Marche  
© Paola Corradini, Pedagogista Clinico - P.Iva. 01764230445
    Professionista disciplinato ai sensi della legge 4/2013
    Iscritta all'albo dei Pedagogisti Clinici - Nr. Iscrizione 2699
    Informazioni legali | Termini e Condizioni | Privacy | Cookies
powered by SitoFelice.it - Creazione Siti Web - Roma